Francia. Ancora gravi condizioni attentatore di Levallois-Perret

di Giacomo Dolzani – 

A causa delle sue precarie condizioni di salute, non è ancora stato possibile sottoporre ad interrogatorio quello che, secondo le autorità francesi, è il presunto autore dell’attentato compiuto ieri nei pressi di Parigi contro un gruppo di uomini delle forze dell’operazione antiterrorismo Sentinelle.
Hamou Benlatrèche, di origini algerine ma regolarmente residente in Francia, è stato infatti arrestato ieri nel primo pomeriggio mentre, a bordo della sua Bmw noleggiata ed in seguito utilizzata per l’attentato, si stava dando alla fuga sull’autostrada A 16, tra Boulogne-sur-Mer e Calais, non lontano dal confine con il Belgio.
Dopo aver creato un ingorgo grazie al quale il sospetto è rimasto imbottigliato nel traffico, la Police Nationale ha proceduto all’arresto, il quale si è però tramutato in una sparatoria, con Benlatrèche trafitto da cinque colpi di pistola.
Nell’attesa di poterlo interrogare personalmente, i servizi di sicurezza francesi hanno perquisito l’appartamento dell’uomo, situato nelle banlieue di Parigi, e di altre persone a lui legate, non trovando però nulla che possa ricondurre l’attentatore ad ambienti vicini all’estremismo islamico.
Le condizioni dei sei militari feriti, contro i quali Benlatrèche aveva lanciato ieri la sua auto a tutta velocità, sono invece notevolmente migliorate.

Twitter: @giacomodolzani