Russia. Il soft power per ampliare l’influenza nei vari paesi

di Giuseppe Gagliano

Secondo Intelligence Online, anche la Russia cerca di ampliare ed estendere la sua influenza attraverso il soft power e a questo scopo diventa di grande rilevanza l’Istituto nazionale di ricerca russo per lo sviluppo della comunicazione (NIIRK), composto da ex funzionari del KGB. Naturalmente l’istituto non agirà da solo, bensì lo farà in modo sinergico con il Rossotrudnichestvo gestito da Yevgeny Primakov Jr., con l’agenzia di stampa statale Rossiya Segodnia e attraverso la piattaforma mediatica Sputnik.
Questa collaborazione dovrebbe servire fra l’altro a presentare un’immagine positiva della Russia in Lettonia, Lituania e Kirghizistan. Un’altra partnership di grande rilievo è quella che è stata siglata tra l’istituto e l’Agenzia federale per gli affari della nazione guidata da Igor Barinov, ex ufficiale dell’unità antiterrorismo dell’FSB Alpha.