Siria. Come l’intelligence britannica influenzava attraverso la propaganda i gruppi di oppositori siriani

di Giuseppe Gagliano

Da documenti fatti trapelare da Anonymous viene mostrato come gli appaltatori del governo britannico abbiano sviluppato un’infrastruttura di propaganda avanzata per garantire il sostegno occidentale all’opposizione politica e armata della Siria. I documenti sono stati ottenuti da un gruppo che si fa chiamare Anonymous e sono stati pubblicati in una serie di file intitolati “Op. HMG (Her Majesty’s Government) Trojan Horse: From the Integrity Initiative to Covert Ops Around the World”. Parte 1: domare la Siria”. Gli autori anonimi delle fughe di notizie hanno affermato che avevano lo scopo di “smascherare le attività criminali del ministero degli Esteri britannico e dei servizi segreti britannici”,
Praticamente ogni aspetto dell’opposizione siriana è stato manipolata da società di pubbliche relazioni sostenute dai governi occidentali.
Appaltatori statunitensi ed europei hanno formato e consigliato i leader dell’opposizione siriana a tutti i livelli, dai giovani attivisti dei media ai capi del governo parallelo in esilio. Queste aziende hanno anche organizzato interviste con i leader dell’opposizione siriana su canali televisivi affermati come la BBC e Channel 4.
Più della metà dei liberi professionisti utilizzati da al-Jazeera in Siria sono stati formati nell’ambito di un programma congiunto del governo di Stati Uniti e Regno Unito chiamato Basma, che ha prodotto centinaia di attivisti da utilizzare nei media dell’opposizione siriana.
Le società di pubbliche relazioni del governo occidentale non solo hanno influenzato il modo in cui i media hanno informato sulla Siria, ma rivelano come i documenti trapelati, hanno prodotto le loro pseudo-notizie di propaganda per la trasmissione sulle principali reti televisive negli Stati Uniti e Medio Oriente, inclusi BBC Arabic, Al Jazeera, Al Arabiya e Orient TV.
I documenti trapelati sono stati prodotti principalmente sotto gli auspici del Foreign Office. Tutte le società citate negli archivi erano state assunte dal governo britannico, ma molte di loro stavano anche portando avanti progetti che ricevevano finanziamenti dai governi degli Stati Uniti e di altri paesi dell’Europa occidentale.
Oltre a dimostrare il ruolo che queste strutture di intelligence occidentali hanno svolto nella copertura mediatica della Siria, i documenti evidenziano il programma del governo britannico per addestrare e armare i gruppi ribelli nel paese.
Molti di questi gruppi di opposizione in Siria sostenuti dall’occidente erano salafiti estremisti. Alcuni degli appaltatori del governo britannico, le cui attività sono esposte in questi documenti, hanno sostenuto l’affiliata siriana di al-Qaeda, Jabhat al-Nusra, e le sue propaggini.
Un rapporto trapelato dal British Foreign Office del 2014 rivela un’operazione congiunta con il Dipartimento della Difesa e il Dipartimento per lo Sviluppo Internazionale per supportare “comunicazioni strategiche, ricerca, monitoraggio e valutazione e supporto operativo alle entità del Regno Unito nota come “Opposizione siriana”.
Il ministero degli Esteri ha chiarito che questa campagna mirava a “creare collegamenti di rete tra movimenti politici e media”, “costruendo piattaforme mediatiche locali indipendenti”.
Il governo britannico aveva pianificato “tutoraggio, formazione e supporto per una migliore fornitura di servizi di media, compresi i media digitali e le reti sociali”.
Il suo scopo era di “fornire formatori in pubbliche relazioni e gestione dei media, nonché personale tecnico, come cameramen, webmaster e interpreti”, nonché “produzione di discorsi, comunicati stampa e altre comunicazioni mediatiche”.
Un ulteriore documento del governo del 2017 chiarisce come la Gran Bretagna abbia finanziato “la selezione, la formazione, il supporto e il tutoraggio della comunicazione di attivisti siriani che condividono la visione britannica per una Siria futura” (…) “e che sosterranno una serie di valori in linea con la politica britannica”.
L’iniziativa prevedeva finanziamenti da parte del governo britannico “per sostenere l’attivismo popolare siriano nei media nelle sfere dell’opposizione civile e militare”, e aveva come obiettivo i siriani che vivono in territori di opposizione “estremisti e moderati”.
In altre parole, il ministero degli Esteri britannico e l’esercito hanno elaborato piani per condurre una guerra mediatica globale contro la Siria. Per creare un’infrastruttura in grado di gestire il blitz della propaganda, la Gran Bretagna avrebbe pagato una serie di appaltatori governativi, tra cui The Global Strategy Network (TGSN), Innovative Communication & Strategies (InCoStrat) e Albany.
Il lavoro di queste aziende si è sovrapposto e alcune hanno collaborato a progetti per coltivare l’opposizione siriana.
Uno dei principali appaltatori del governo britannico dietro il programma di cambio di regime in Siria si chiamerebbe, stando ai documenti individuati da Anonymous, ARK (Analysis Research Knowledge).
ARK FZC ha sede a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti.
Si presenta come una ONG umanitaria, sostenendo che “è stata creata per aiutare i più vulnerabili”, creando una “impresa sociale, responsabilizzando le comunità locali attraverso la fornitura di interventi flessibili e sostenibili per creare maggiore stabilità, opportunità e speranza per il futuro”.
In realtà, ARK è una società di intelligence che funziona come un braccio dell’interventismo occidentale, secondo il report di Anonymous.
In un documento trapelato che aveva presentato al governo del Regno Unito, ARK ha affermato che “dal 2012 ARK si è concentrato sulla messa in atto di programmi di conflitto efficaci e politicamente sensibili in Siria per i governi del Regno Unito. Stati Uniti, Stati Uniti, Danimarca, Canada, Giappone e Unione Europea.
ARK si è vantata di supervisionare contratti del valore di 66 milioni di dollari per sostenere gli sforzi dell’opposizione in Siria.
Sul suo sito web, ARK elenca tutti questi governi come clienti, così come le Nazioni Unite.
Nelle sue operazioni in Siria, ARK ha lavorato con un altro appaltatore britannico chiamato The Global Strategy Network (TGSN), guidato da Richard Barrett, ex direttore dell’antiterrorismo globale presso l’MI6.
Sembra che ARK avesse agenti sul campo in Siria all’inizio del tentativo di cambio di regime nel 2011, relazionando al ministero degli Esteri britannico che “il personale di ARK è in contatto regolare con attivisti e attori della società civile inizialmente incontrati. quando sono iniziate le manifestazioni nella primavera del 2011″.
Il subappaltatore britannico vantava una vasta rete di attori della società civile della comunità che ARK aveva assistito attraverso un centro specializzato per lo sviluppo di capacità che ARK aveva stabilito a Gaziantep una città nel sud della Turchia che era stata una base di operazioni di intelligence contro il governo siriano.
ARK ha formato tutti i livelli dell’opposizione siriana nella comunicazione, dai “seminari di giornalismo cittadino con attivisti dei media siriani, al lavoro con i membri della Coalizione Nazionale per sviluppare una storia di comunicazione dal basso”.
Il gabinetto ha persino supervisionato la strategia di pubbliche relazioni del Consiglio militare supremo (CMS), la leadership dell’ala armata ufficiale dell’opposizione siriana, l’Esercito siriano libero (ASF). ARK ha creato una complessa campagna di pubbliche relazioni per rinominare il CMS al fine di distinguerlo dai gruppi di opposizione armata estremisti e per stabilire l’immagine di un corpo militare funzionale, inclusivo, disciplinato e professionale.
L’azienda ha inondato la Siria di propaganda dell’opposizione. In soli sei mesi, ARK ha riferito che 668 mila dei suoi prodotti stampati erano stati distribuiti in Siria, inclusi poster, volantini, opuscoli informativi, libri di attività e altro materiale relativo alla campagna.
ARK ha sottolineato di avere “contatti consolidati” con alcuni dei più grandi media del mondo, citando Reuters, The New York Times, CNN, BBC, Guardian, Financial Times, The Times, Al Jazeera, Sky News Arabo, Orient TV e al-Arabiya.
La guerra mediatica dell’opposizione siriana è stata organizzata come parte di un progetto chiamato Basma. ARK ha lavorato con altri appaltatori del governo occidentale attraverso Basma per formare gli attivisti dell’opposizione siriana.
Grazie ai finanziamenti dei governi degli Stati Uniti e del Regno Unito, Basma è diventata una piattaforma estremamente influente. La sua pagina Facebook in arabo ha più di 500.000 follower e su YouTube ha anche attirato un gran numero di persone.
Come parte dei suoi corsi di formazione, ARK ha formato i portavoce dell’opposizione, ha insegnato loro a parlare con la stampa e poi ha aiutato a organizzare interviste con i principali media in lingua araba e inglese.
Un organismo di propaganda dell’opposizione siriana gestito direttamente da ARK chiamato Moubader ha sviluppato un enorme seguito sui social media, tra cui oltre 200mila persone su Facebook. ARK ha stampato 15mila copie al mese della rivista Moubader “su carta di alta qualità” e l’ha distribuita “in tutte le regioni della Siria detenute dall’opposizione”.
Un’altra fuga di notizie mostra che in un solo anno, nel 2018 – che a quanto pare è stato l’ultimo anno del programma Siria di ARK – l’azienda ha fatturato al governo britannico l’incredibile cifra di 2,3 milioni di sterline.
Nei documenti trapelati, un altro appaltatore del governo britannico chiamato Innovative Communications Strategies (InCoStrat) si vantava di aver costruito un’enorme rete di oltre 1.600 giornalisti e influencer con un interesse per la Siria”.
InCoStrat ha sottolineato di aver “gestito e realizzato un progetto multi-donatore a sostegno degli obiettivi di politica estera britannica” in Siria, “fornendo specificamente supporto di comunicazioni strategiche all’opposizione armata moderata”.
La società ha rivelato che altri finanziatori del lavoro di InCoStrat con l’opposizione in Siria includevano il governo degli Stati Uniti, gli Emirati Arabi Uniti e uomini d’affari siriani anti-al-Assad.
InCoStrat fungeva da collegamento tra i suoi clienti governativi e la Coalizione Nazionale Siriana, il governo parallelo sostenuto dall’Occidente che l’opposizione aveva cercato di creare. InCoStrat ha consigliato i massimi leader politici e ha persino diretto l’ufficio stampa della Coalizione Nazionale da Istanbul, in Turchia.
InCoStrat ha affermato di aver contribuito a introdurre i propri attivisti dell’opposizione siriana nei rapporti in lingua araba della BBC.
I membri chiave di InCoStrat hanno già lavorato come corrispondenti dal Medio Oriente per alcune delle più grandi agenzie di stampa del mondo, tra cui Reuters.
Come ARK, InCoStrat ha installato un’ampia infrastruttura multimediale. La società aveva istituito uffici per i media dell’opposizione siriana a Dera’a, Siria, Istanbul e Reyhanli, in Turchia, e ad Amman, in Giordania.
L’azienda ha affermato di essere penetrata nell’opposizione armata sviluppando “solide relazioni con 54 comandanti di brigata sul fronte siriano meridionale”, che prevedeva “un impegno quotidiano e diretto con i comandanti e i loro ufficiali all’interno. Siria ”, così come con ufficiali disertori trasferiti alle unità dell’Esercito siriano libero a Damasco, una città controllata dal governo.
Nei documenti trapelati, InCoStrat si vantava delle interviste che i suoi giornalisti avevano organizzato con numerose milizie armate dell’opposizione, tra cui Jabhat al-Nusra, un affiliato di al Qaeda.
I documenti trapelati getterebbero ulteriore luce su un appaltatore del governo britannico chiamato Albany.
Albany si vantava di aver “coinvolto una vasta rete locale di oltre 55 scrittori, giornalisti e videografi freelance” per influenzare le narrazioni dei media e promuovere gli interessi della politica estera britannica.
L’azienda ha contribuito a creare un influente gruppo mediatico dell’opposizione siriana chiamato Enab Baladi. Fondato nel 2011 nel centro anti-Assad di Daraya, all’inizio della guerra, Enab Baladi è stata aggressivamente venduto dalla stampa occidentale come una popolare operazione mediatica siriana.
Albany ha anche coordinato le comunicazioni tra i media dell’opposizione e i gruppi estremisti islamici dell’opposizione coinvolgendo un “leader (che) aveva una profonda credibilità presso i gruppi chiave, incluso (nel nord) Failaq ash-Sham”, Jabha Shammiyeh, Jaysh Idleb al Hur, Ahrar ash-Sham, (al centro) Jaysh al Islam, Failaq al Rahman e (a sud) Jaysh Tahrir ”. Molte di queste milizie erano legate ad Al Qaeda e ora sono ufficialmente riconosciute dal Dipartimento di Stato americano e dai governi europei come gruppi terroristici.
A differenza di altri appaltatori del governo occidentale attivi in ​​Siria, che hanno spesso tentato di fingere una parvenza di equilibrio, Albany ha chiarito che i suoi rapporti sui media non sono altro che propaganda.
Nel 2014 Albany si è vantata di guidare il team di comunicazione della Coalizione nazionale siriana ai colloqui di pace di Ginevra.
Quando sono trapelate e-mail interne che mostravano che la massiccia piattaforma mediatica dell’opposizione Basma Syria era stata finanziata da Stati Uniti e Gran Bretagna, Albany ha scritto che il marchio Basma è stato compromesso e proprio per questo il sito web di Basma è stato chiuso.