Coronavirus. Effetto collaterale per un volontario su 50mila: l’AstraZeneca sospende la fase tre

Notizie Geopolitiche

Continua inarrestabile l’epidemia di coronavirus nel mondo, ed i dati della John Hopkins University riportano di 28 milioni di casi riconosciuti nel mondo e di quasi 900mila decessi.
Oggi si è appreso che l’AstraZeneca, società farmaceutica che coopera con l’università di Oxford e al cui progetto partecipa la Irbm di Pomezia, ha sospeso la fase tre in quanto il vaccino ha presentato un grave effetto collaterale su un volontario.
Si tratta di una sospensione momentanea necessaria per studiare l’accaduto, e l’ad di Irbm, Piero di Lorenzo, ha spiegato che si tratta di un caso su 50mila persone sottoposte al test, il quale avrebbe contratto una mielite trasversa, una sindrome infiammatoria del midollo spinale che spesso è provocata dalla reazione immunitaria all’esposizione a un virus.
AstraZeneca ha sottolineato tuttavia che si tratta solo di “un’azione di routine che si adotta durante i test nel caso ci si trovi davanti a una reazione inspiegata”, per cui è stata sospesa la somministrazione del vaccino su nuovi volontari. I 50mila già sottoposti al test continueranno ad essere monitorari.